giovedì 24 gennaio 2013

Ghiaccio criogenico (in corso) | Tecn. Illustrazione Editoriale

Prima di cinque illustrazioni sul tema del ghiaccio, ancora in lavorazione. Il problema più grosso è rendere la superficie trasparente e brinata della capsula criogenica. In modo decente però...


mercoledì 23 gennaio 2013

Lo stregone delle montagne | Shafie

Un bambino fu esiliato dal villaggio, circa dieci fa. Aveva dato fuoco alla sua casa, aveva ucciso i suoi parenti. Le scritture impedivano di giustiziarlo e così fu lasciato solo, nella foresta. Da quel giorno nessuno lo rivide più, ma molti giurarono che il sottobosco aveva cambiato attitudine. Non si fidavano più di entrare in quel luogo e un po' alla volta la paura suggerì alle loro menti che lo spirito di quel bambino fosse appartenuto ad un demone. Di certo avrebbe posseduto la foresta in eterno.

 "Si questa vita è una follia. Ma la grande sapienza del guerriero della luce consiste nello scegliere bene la propria follia."

Il sacerdote delle fasi | Rashid

Figlio di stranieri, nomadi dell'ovest, delle terre dopo il mare. Sul suo corpo si espandevano macchie scure, la sua gente lo allontanava.
Era chiaro e brillante come la sabbia marina, l'isola lo rifiutava.
Eppure lui amava questa terra. E più l'amava, più la sua pelle si disegnava di scuro.
Fino a che un giorno non gli si coprì tutta la schiena e anche di più, fino alle ginocchia. Allora i sacerdoti si radunarono. Leggevano su di lui un messaggio degli spiriti. Una profezia, una salvezza. Incombeva una minaccia sul popolo protetto dalla luna, e lui era stato mandato dalla luna stessa.

"I guerrieri della luce soffrono per stupidaggini, si preoccupano di cose meschine. Sovente si domandano cosa stiano facendo qui. Talvolta si credono indegni di qualsiasi benedizione o miracolo. Perciò sono guerrieri della luce."

Il servitore nascosto | Daya

Trovato a bordo di una piccola nave mercantile depredata, il neonato suscitò la curiosità della regina, in quanto favorito dagli Dei. Crebbe all'ombra del palazzo reale, servitore mite e devoto. Da giovanissimo venne premiato per le sue qualità e mandato così ad imparare le discipline dell'Ottuplice Sentiero e le arti del combattimento. Il giorno della morte della sua regina, necessaria al fine di concludere la guerra, decise di votarsi alla difesa delle sue onorate figlie, le cinque principesse di Kyunsang.

"Se eviterà il combattimento, non lo farà perchè è stato sedotto, ma perchè ha pensato che questa fosse la strategia migliore. Un guerriero della luce non accetta doni dal nemico. Allora io ripeto: i guerrieri della luce si riconoscono dallo sguardo. Si trovano nel mondo, fanno parte del mondo, e al mondo sono stati inviati senza bisaccia e senza sandali."